Dora in avanti – PRENOTA IL TUO POSTO

Dora sta ferma, perché è la cosa che più le riesce meglio. Dora sta ferma eppure va avanti e indietro con la sua altalena, va avanti e indietro nel suo racconto. Forse non sa neppure cosa dire, ma lo dice bene. Usa una canzone come macchina del tempo, e con quella si aiuta a tornare nel passato, nel suo passato, proprio nel punto preciso in cui il suo mondo è precipitato. La sua inerzia sacrale nasce lì, da una spinta mancata, che in qualche modo l’ha sconfitta e l’ha arresa, costringendo la sua esistenza in una specie di eterno fermo immagine. Ed è ancora lì, la nostra piccola Dora. Ferma. Lo sguardo di bambina perso in tutto quel futuro che non sarebbe poi stata capace di viversi.
Dora ha fallito come figlia, come moglie, come madre. Dora non è altro che uno specchio: è la cartina di tornasole delle nostre sconfitte, la somma di tutti i nostri fallimenti. Perché dietro la dolorosa finzione della sua esistenza c’è una cosa che ci riguarda tutti da vicino: la vita vera.

Così l’autore, Domenico Loddo racconta Dora in avanti, monologo di teatro contemporaneo originale e interattivo, dai toni ironici ma dai risvolti seri e mai scontati, portato in scena da Silvana Luppino con la regia di Christian Maria Parisi.
Spettacolo che riaccenderà la scalinata di via Immacolata, il 13 agosto alle 21.30 a Polistena.

Per partecipare all’evento prenota qui il tuo biglietto gratuito.