Come Clitennestra varcò il buio (recensione PAC)

Clitennestra

di Gianluca Iovine

L’opera stimola dal palco – come già Capri-Revolution di Martone ha saputo fare sullo schermo – una riflessione sulle rivoluzioni necessarie a conseguire la pari dignità di genere per le donne del mondo. Il dolore di Clitennestra è dunque urlato e silenzioso, represso e potente, come in tante donne di oggi che, proprio come lei, subiscono violenza e indifferenza. L’attesa di anni per il compagno/re, incarna i paradigmi senza tempo della violenza di genere: le molte amanti, gli stupri di guerra, i silenzi e le bugie all’amata. Prima di uccidere altri, la donna dovrà uccidere se stessa, spezzando la propria fragilità per generare odio, spegnendo il desiderio per apprendere la morte.

leggi l’intero articolo su paneacquaculture.net